Grana Padano, sulle frodi interviene il Consorzio venerdì 4 maggio 2012 Mantova news
MANTOVALIVE


Maurizio Crozza al Palabam
Arriva al Palabam il "Crozza delle meraviglie Tour 2014". Mercoledi 18 giugno

0 0,00 seguici su facebook seguici su twitter
notizie

elenco news
Venerdì 4 Maggio 2012 15:17 - Grana Padano, sulle frodi interviene il Consorzio

Desenzano del Garda (BS). Programmazione produttiva, lotta senza quartiere alla contraffazione e crescita dell’export, saranno gli obiettivi del Consorzio Tutela Grana Padano anche per i prossimi anni; incisività nelle iniziative promozionali e nelle scelte programmatiche. Sono le priorità che Nicola Cesare Baldrighi riassume negli impegni che per i prossimi 4 anni lo attendono come presidente del Consorzio di Tutela del prodotto DOP italiano più consumato nel mondo. Baldrighi, 53 anni, cremonese, è stato confermato per acclamazione nella massima carica consortile, che ricopre dal 1998, durante la prima riunione del consiglio d’amministrazione, eletto nell’assemblea del 20 aprile scorso. Il Grana Padano ha chiuso il 2011 con una produzione record di 4.658.957 forme, a fronte di un mercato che ha registrato un calo diffuso dei consumi.

Il piano produttivo adottato dall’Assemblea Generale ha previsto per il 2012 una soglia di 4.544.534 forme e a fine anno varerà quello per il 2013, dove sarà possibile applicare la produzione produttiva consentita dal pacchetto latte, approvato dall’Unione Europea e integrato entro l’estate dalle indicazioni del Mipaaf. “In tema di frodi e contraffazioni – continua Baldrighi – il Comitato di Gestione ha deliberato, quale prima azione del proprio mandato, un tempestivo ed energico provvedimento contro una frode scoperta dalla vigilanza consortile all’estero. Per crescere occorre anche sconfiggere le contraffazioni e ottenere dall’Unione Europea norme rigorose che garantiscano la tracciabilità. Il Consorzio Grana Padano ha investito lo scorso anno 8 milioni di euro nella vigilanza con oltre 13 mila controlli”. Una truffa in piena regola poiché formaggio che non era Grana Padano veniva confezionato in Italia e venduto all’estero come Grana Padano DOP. Si è già attivata l’autorità giudiziaria italiana trattandosi di prodotto illecitamente confezionato in Italia, e sono tuttora in corso le indagini relative, motivo per cui al momento non è possibile rivelare ulteriori dettagli. Fondamentale sarà poi la crescita delle esportazioni, confermando un trend positivo che dura da 15 anni e che, anche nel 2011, ha visto una crescita del 2,4%, arrivando a 1.334.300 forme esportate. Un risultato reso possibile soprattutto dalla crescita in tutta Europa, che ha registrato un + 3,3%, e nell’area Ue con un + 3,2%.



elenco news


condividi / invia a un amico


mantovacom friends
nomasvello
nomasvello


Internet partner: Sigla.com
[www.sigla.com]